LA
RESA

Ma·ria
Lom·bar·di

Maria Lombardi

“La resa” vuole essere momento di riflessione sulla vulnerabilità e sulla forza, in cui il Forte si fa simbolo dell'umano che si arrende alla bellezza, alla purezza e alla natura.

È proprio la natura, simboleggiata dal materiale della Terra, l’argilla, che ci porta il messaggio, ed è nella natura stessa che il messaggio andrà a diffondersi e dissolversi.

 

Il verso della poesia vuole interrogarci sul significato che ha per noi la resa, a livello interiore ma anche sociale e politico.

L'artista ha scelto di renderla un’opera partecipativa per stimolare la riflessione e la presa di parola (o simbolo) dei fruitori stessi, che andranno a modificare, oltre agli agenti atmosferici, l'opera stessa. Si potrà avere consapevolezza di tale modificazione nel tempo attraverso il video dell'opera vergine.

 

Il font delle parole è il frutto della ricerca, all’interno del Forte, della modalità di scrittura dell'epoca. Nello specifico si possono ritrovare le lettere della mappa dello stesso Forte.

Grazie a Luca Cremaschi per il montaggio video e a Giacomo Pallaver per la realizzazione delle clip video con il drone.

Maria Lombardi
Operatrice sociale, esplora negli ultimi anni il potere catartico delle parole in forma poetica, pubblicando in raccolte collettive a più mani. Autodidatta in tema di pittura ad olio ed acquerello, rimane affascinata dal mondo della ceramica e della Terra come strumento di connessione e consapevolezza, inizia ad esplorarlo in Puglia e lo approfondisce entrando in contatto con il Laboratorio Con-Creta di Alchemica. Anche insegnante di Yoga, è interessata alla meditazione.